Notizie

4 Agosto 2019

Il sedano di Gesualdo a casa Slow Food

In attesa del riconoscimento quale Presidio, il cosiddetto “accio” gesualdino è stato il protagonista di una serata di degustazione nel palazzo Pisapia durante la manifestazione “Saperi & Sapori”

Durante le serate della manifestazione “Saperi & Sapori” organizzata da Astrea, Gesualdo ha avuto il piacere e l’onore di ospitare “Casa Slow Food” nel palazzo Pisapia. Ieri sera si è svolto il primo dei due laboratori programmati, alla presenza del referente Slow Food Angelo Lo Conte e del consigliere comunale, con delega all’agricoltura, Alfonso Caloia che, in sinergia con l’associazione internazionale no profit, ha messo in campo iniziative tese a valorizzare il sedano di Gesualdo attraverso la creazione di un presidio di tipicità.

Protagonisti della degustazione il “Grecomusc” di Taurasi, noto anche come Roviello o Rovello Bianco, e i prodotti dei presidi Slow Food dell’Irpinia. Tre le annate a confronto del “Grecomusc”, frutto di secolari vitigni. Tre profumi e sentori differenti, irripetibili. Durante il laboratorio l’aromatico vino bianco, il cui bouquet richiama i fiori gialli e le pesche, è stato abbinato al broccolo aprilatico di Paternopoli e ai Fiori d’aglio della Valle dell’Ufita, nonché al sedano di Gesualdo, “accio” in dialetto, riconosciuto come Prodotto tipico regionale. Sui tavoli di casa Slow Food prodotti al naturale, sott’olio e lavorati come paté, oppure presentati in pinzimonio, come nel caso del sedano.

«Benvenuti a casa Slow Food – ha esordito Angelo Lo Conte, referente del presidio irpino – Per la prima volta siamo riusciti a creare questo format dove cerchiamo di promuovere le attività che Slow Food realizza a livello internazionale e la loro declinazione sul territorio. Accanto ai presidi abbiamo il progetto della comunità del Grecomusc messa in piedi dal 2011 per il recupero di questo antico vitigno compreso tra i territori di Mirabella Eclano, Bonito e Taurasi». «Alfonso Caloia, in quanto volontario Slow Food e consigliere comunale, sta lavorando molto sul progetto del presidio del sedano – ha continuato Lo Conte, riferendosi al grande protagonista dell’orto gesualdino -. Contiamo per settembre di avere il riconoscimento e di poter certificare questo prodotto. Qual è il vantaggio di un prodotto quando riesce a culminare questo iter? Esiste un canale privilegiato rispetto a quelli che sono poi i cuochi che aderiscono al progetto “Alleanza”. Tutti gli chef che vogliono aderire a questo progetto o entrare nel progetto editoriale “Osterie d’Italia” hanno la necessità, per maturare delle premialità, di preparare e somministrare i prodotti dei presidi».

«Il sedano, insieme al nostro pomodorino seccagno, è un prodotto tipico riconosciuto dalla Regione Campania. Sul sedano abbiamo una tradizionalità, una storia che ci rimanda a Carlo Gesualdo e a tempi antecedenti alla sua figura» ha spiegato Alfonso Caloia riferendosi alla storia secolare di questa varietà che, rispetto al sedano tradizionale, si differenzia per la maggiore altezza (fino a 100 centrimetri) e un diametro più piccolo (dai tre ai sei centimetri). «Abbiamo deciso di puntare su questo prodotto insieme a Slow Food nell’ottica di una crescita che premi il territorio – ha continuato il consigliere Caloia -.  Il sedano è un prodotto sano, pulito e giusto perché rispecchia una filiera, rispecchia il territorio e aiuta i produttori locali a crescere. Abbiamo, pertanto, recuperato l’antico seme e avviato campi sperimentali attraverso i cosiddetti semenzai». «La funzione di questo presidio è stimolare i produttori locali a investire nuovamente su questo prodotto che  per anni ha rinomato la comunità di Gesualdo» ha concluso.

In attesa del riconoscimento ufficiale quale presidio, la condotta Slow Food si è impegnata a far rientrare il sedano di Gesualdo nella cosiddetta “Arca del Gusto”, il catalogo che raccoglie i prodotti a rischio di estinzione che appartengono alla cultura, alla storia e alle tradizioni di tutto il pianeta. Inoltre, in occasione dell’ultimo Salone del Gusto di Torino (settembre 2018) il sedano è stato al centro di uno show cooking curato dalla chef-architetto Franca De Filippis.

La nuova sfida è ora quella di valorizzare l’“accio” gesualdino, cibo “sano, pulito e giusto”, come nella filosofia Slow Food, a tutto vantaggio dei produttori locali e dell’intero territorio irpino.

 

 

 

 

Il sedano di Gesualdo a casa Slow Food

Ultimi articoli

Notizie 15 Agosto 2019

Castello aperto a Ferragosto

🏰 In occasione del Ferragosto, il castello di Gesualdo rimarrà aperto al pubblico (10:00/13:30 e 15:30/19:00).

Avvisi 14 Agosto 2019

Ferragosto, raccolta rifiuti regolare

Domani i rifiuti indifferenziati verranno ritirati regolarmente.

Notizie 14 Agosto 2019

Piazza Canale, il rione si illumina con lo spettacolo dedicato a Lucio Dalla

“Mi compiaccio per la scelta di questa splendida location” ha detto Franco Di Cecilia, il consigliere provincia

Notizie 13 Agosto 2019

Una summer school in nome del Principe

“Carlo Gesualdo tra Rinascimento e Barocco.

torna all'inizio del contenuto
X